In conversazione con Babsi e Thomas dei Luminous Labs

Le migliori start-up fioriscono dove idee e passione incontrano un'imprenditoria motivata. Abbiamo accolto Babsi e Thomas, fondatori di Luminous Labs, nel nostro showroom Yaasa di Graz. Ci hanno raccontato come la luce rossa ha cambiato il loro mondo, come hanno fatto del biohacking la loro filosofia di vita e come organizzano il loro lavoro quotidiano di giovani imprenditori.

Yaasa Meets Luminous Red

Chi c'è dietro Luminous Labs e come è nata la start-up?

Yaasa:
Ciao Babsi, ciao Thomas!

Babsi e Thomas:
È bello essere qui oggi!

Yaasa:
Il piacere è tutto nostro. Siate così gentili da presentarvi. Chi siete e come siete arrivati a fondare la vostra start-up?

Babsi:
Siamo Babsi e Thomas, i fondatori di Luminous Labs. Il nostro primo prodotto sul mercato si chiama Luminous Red - a volte c'è il rischio di fare confusione tra i termini ;) Siamo ufficialmente in circolazione dal febbraio 2021.

Abbiamo iniziato per una questione molto personale... Inizio con questo: io e Thomas siamo una coppia "nella vita reale" (ride) e nel 2018 stavamo entrambi andando piuttosto male. Io avevo un burnout e Thomas aveva appena subito un'operazione dalla quale si stava riprendendo male. In quel periodo, entrambi abbiamo iniziato a cercare modi per sentirci meglio.

Poiché Thomas ha studiato lighting design (sì, esiste una cosa del genere!), si è imbattuto nella cosiddetta Terapia della Luce Rossa. Come sappiamo, la luce è estremamente importante per noi esseri umani. Abbiamo bisogno della luce del sole, della vitamina D, il nostro corpo dipende dal ritmo del giorno e della notte: in breve, la nostra biologia, la luce e il benessere fisico e mentale sono strettamente interconnessi.

Babsi von Luminous Labs arbeitet am Yaasa Desk One.

Thomas:
Esattamente. E così mi è balenato in testa qualcosa che abbiamo imparato a conoscere anche durante i nostri studi: Un tipo particolare di luce che viene normalmente utilizzata nella terapia del dolore. Il corpo viene "overclockato" e sviluppa una maggiore resistenza fisica e mentale. E abbiamo pensato: "Bene, proviamo anche noi!". (ride). Abbiamo quindi installato un dispositivo del genere nel nostro bagno, tutto pieno di cavi! Ma in qualche modo ha funzionato e Babsi ha iniziato subito. È una persona molto sensibile e per prima cosa ha testato il tutto in modo soggettivo e secondo il suo intuito. Dopo poche settimane si è sentita meglio.

Babsi:
Sì, davvero, in pochissimo tempo mi ha portato a un maggiore rilassamento, a un migliore stato d'animo, semplicemente a una maggiore calma.

Thomas:
Nel mio caso, ho una mentalità più scientifica. Siamo entrambi dottorandi, Babsi in psicologia nel campo della felicità e del burnout e io in quello della luce. Quindi ho bisogno di cifre, di fatti, di cose misurabili. L'aspetto puramente soggettivo non mi bastava. Ma anch'io sono rimasta stupita da quanti cambiamenti positivi ho avvertito dopo poche settimane. Ho anche fatto regolarmente le analisi del sangue e ho potuto constatare che qualcosa stava accadendo.

Dopo qualche altra settimana, Babsi mi ha avvicinato con l'idea di fare di più. Avevamo sempre desiderato lavorare in proprio insieme, ma fino a quel momento non si era mai presentata l'occasione giusta.

Babsi:
Per me è stato incredibilmente affascinante rendermi conto che avevamo qualcosa che era incredibilmente buono per entrambi, a modo nostro. La luce rossa è semplice e facilmente accessibile; sembrava perfetta come idea commerciale.

Luminous Red und Yaasa

La storia dell'azienda Luminous Labs

Yaasa:
Wow, è più che impressionante! Il fatto che ci sia una storia così personale dietro lo rende davvero speciale. Come avete proceduto una volta realizzata la vostra idea imprenditoriale?

Babsi:
Per prima cosa abbiamo analizzato la situazione del mercato. La nostra concorrenza proviene principalmente dall'America, ma anche queste aziende operano ancora in modo piuttosto "maniche di camicia", cioè non così sofisticato come immaginavamo. Ci siamo resi conto in tempi relativamente brevi che qui c'è davvero un grande potenziale. Dopotutto, come già accennato, entrambi abbiamo le competenze necessarie nei settori della psicologia, dell'economia e dell'illuminotecnica, il che rappresenta un vantaggio immenso.

E ci siamo detti: "Ehi, potremmo usare le nostre conoscenze per sviluppare ulteriormente questo dispositivo, commercializzarlo bene e migliorare l'esperienza dell'utente". Ripensandoci, direi che abbiamo messo in questo progetto una buona dose di follia e pazzia (ride), ma ha funzionato davvero!

Thomas:
È stata davvero una follia. È passato solo un mese tra la nostra decisione di perseguire questa idea e il primo prodotto venduto.

Babsi:
Ci siamo poi rapidamente uniti su Instagram e siamo stati coinvolti in varie comunità di biohacking, soprattutto per quanto riguarda i punti dolenti e i desideri della comunità e, in ultima analisi, dei clienti: all'interno. È stato sorprendente anche per noi vedere quanto velocemente la ruota si è messa in moto e quanto presto siamo riusciti a tenere il passo della concorrenza.

Due anni dopo, abbiamo anche un vero e proprio negozio online, abbiamo sviluppato il nostro dispositivo di illuminazione nella sua sesta versione, abbiamo un piccolo team di cinque persone, un ufficio e, naturalmente, la nostra comunità in crescita.

Abbiamo sempre preso sul serio il feedback dei nostri clienti e lo abbiamo incorporato pesantemente nei nostri sviluppi. È un consiglio che darei a qualsiasi imprenditore: il feedback e le voci esterne sono incredibilmente importanti per il progresso e il successo!

I nostri prossimi progetti sono principalmente legati alla ricerca. Vogliamo sviluppare ulteriormente il nostro dispositivo Red Light, supportarlo con ancora più fatti e cifre e pensare anche a quali nuovi settori possiamo "innovare".

Thomas:
Vorrei anche aggiungere che siamo stati ammessi al Graz Science Park nel 2021. Si tratta di un incubatore per le start-up locali che le sostiene, le consiglia e le aiuta nella loro espansione iniziale. Questa collaborazione ci ha aiutato enormemente.

Un altro tema importante per noi al momento è l'invecchiamento e il modo in cui possiamo contrastarlo o adottare un approccio più sano. Penso che sarebbe davvero bello se potessimo mantenere le persone in salute più a lungo o addirittura vivere più a lungo utilizzando metodi di biohacking come la luce rossa.

Come funziona la terapia della luce?

Yaasa:
Avete trascorso anni davvero entusiasmanti, per di più in un contesto di pandemia globale! Congratulazioni per averla fatta funzionare così bene finora. Ora la nostra domanda: può spiegare come funziona esattamente la luce rossa, cioè il suo dispositivo?

Babsi:
In realtà è molto semplice da usare. Si sta in piedi davanti al pannello luminoso, che idealmente dovrebbe essere il più grande possibile in modo che la luce venga assorbita su un'ampia area di pelle nuda. L'ideale è mettersi davanti ad esso nudi o in biancheria intima. Si procede in questo modo per circa 10-20 minuti al giorno e si assorbe lo specifico spettro di luce rossa o vicino all'infrarosso.

Il meccanismo d'azione, spiegato in modo semplice, è che questa luce penetra in profondità nei tessuti, persino nelle cellule, dove attiva maggiormente i mitocondri. Di conseguenza, viene prodotta una maggiore quantità di energia cellulare e l'organismo viene overclockato, cioè semplicemente più energico, consentendo allo sport, all'igiene personale, al sonno, alla salute mentale, alla concentrazione, alla cognizione, all'umore - e così via - di funzionare meglio. E, come ha già detto Thomas, l'ipotesi più accreditata è che questo rallenti l'invecchiamento.

Equilibrio tra lavoro e vita privata come imprenditore

Yaasa:
Non sembra affatto difficile. Ed è davvero impressionante il suo effetto! Grazie per le spiegazioni. Ma ora torniamo a voi. Siete persone molto attente alla salute, proprio come noi ;) - Ci chiediamo quindi come fate a garantire il vostro benessere nella vostra stressante vita quotidiana di imprenditori. Riuscite a conciliare lavoro e vita sana?

Babsi:
Sicuramente, è molto importante per noi. Ma siamo molto diverse sotto questo aspetto. Per quanto mi riguarda, mi definirei molto "basica" e mi piace il biohacking naturale: digiuno intermittente, sonno sufficiente, poco schermo la sera, bevo tè prima di andare a letto e cerco di fare attività fisica regolarmente.

Oltre al nostro dispositivo a luce rossa, anche la luce gioca un ruolo importante nella mia vita quotidiana. Cerco di essere molto consapevole del mio ritmo quotidiano, esco al mattino per prendere la luce del sole e "consumo" meno luce blu la sera.

Thomas:
Sono un po' più disposto a sperimentare (ride). In altre parole, provo molte cose e sono più un biohacker nel senso classico del termine. La base per me di qualsiasi tipo di biohacking è che tengo traccia di tutto, dalle analisi del sangue agli smartwatch e ai fitness tracker. In questo modo si ha una linea di base e poi si vede dove ci si sta dirigendo con determinati metodi di biohacking.

La meditazione e la riflessione per ottenere il giusto stato mentale giocano un ruolo importante per me, così come una buona gestione del tempo come la tecnica del Pomodoro e le routine fisse. Come Babsi, il tema della luce è particolarmente importante per me: cerco di seguire attivamente il ritmo circadiano, uso la luce rossa e cerco di "consumare" la luce blu al mattino e la luce rossa alla sera.

Anche l'esercizio fisico è estremamente importante per me. Ho un tappetino per camminare che uso mentre lavoro e in genere preferisco lavorare in piedi piuttosto che seduto.

Sono anche un grande fan dei gadget. Per esempio, ho una cuffia pazzesca che emette elettricità e onde audio attraverso la testa e che dovrebbe favorire la concentrazione o la creatività (ride).

In generale, però, devo dire - e questo vale sicuramente per entrambi - che è sempre un gioco di equilibri. Vogliamo provare molto e fare del nostro meglio dal punto di vista della salute, ma la vita di tutti i giorni spesso ci raggiunge e in questo momento, in questa fase aziendale, abbiamo una quantità incredibile di cose da fare. E questa è la vita reale.

Babsi:
Esattamente. In un'azienda così giovane, tutto è ancora molto fragile. Come fondatori, siamo ancora molto coinvolti nell'azienda, quindi alla fine della giornata spesso non abbiamo abbastanza tempo per prenderci cura di noi stessi.

Thomas:
Abbiamo fatto un grande proposito per l'anno nuovo, quello di lavorare bene come parte di un grande team, che stiamo cercando di seguire consapevolmente. Ha a che fare con il nostro valore fondamentale come Luminous Labs, ovvero che viviamo ciò che comunichiamo. E noi comunichiamo il benessere, che le persone si sentono meglio - conosciamo l'efficacia e la scienza che ci sta dietro, e vogliamo condividerla con il mondo. Ma se nella nostra azienda siamo costantemente stressati e non c'è tempo per noi stessi, allora questo contraddice l'intera idea dell'azienda. Ed è proprio su questo che vogliamo concentrarci quest'anno.

Babsi:

Per essere sicuri di raggiungere questo obiettivo, cerchiamo di organizzare uno stand-in settimanale con tutti i membri del nostro team. Parliamo semplicemente di come stiamo andando, di ciò che abbiamo realizzato quella settimana e così via. Questa consapevolezza è già di per sé positiva e ci aiuta a stabilire le priorità.

Thomas:
Di recente abbiamo realizzato una sorta di vision board per fermarci un attimo e guardare indietro e avanti. Cosa abbiamo già realizzato, dove vogliamo andare, chi è coinvolto in questo sforzo complessivo? È stato davvero bello per noi vedere e sentire.

Babsi:
Non dobbiamo dimenticare che anche la nostra relazione privata gioca un ruolo nell'equilibrio tra lavoro e vita privata. Io e Thomas siamo più o meno lavoro e vita (ride). Tuttavia, nel frattempo siamo diventati molto coerenti e cerchiamo di tenerli completamente separati, il che funziona abbastanza bene.

Arbeiten im Stehen am Yaasa Desk One.

Il nostro posto di lavoro

Yaasa:
È davvero impressionante la quantità di pensieri e riflessioni che dedicate al vostro benessere e a quello della vostra azienda. Possiamo sicuramente prendere esempio da voi. Naturalmente, ci auguriamo che i vostri progetti in questo senso vadano davvero bene e che troviate abbastanza tempo per voi stessi!

Ci interessa sapere com'è il vostro posto di lavoro. In quanto esperti di scrivanie, dobbiamo chiederlo ;) E siamo anche sinceramente interessati. Come lavorate?

Babsi:
Penso che le scrivanie in piedi siano davvero fantastiche, e non lo dico solo perché sto parlando con voi (ride). A casa abbiamo due scrivanie in piedi nell'ufficio domestico e noto chiaramente che la mia concentrazione è migliore, la produttività, persino la creatività, perché sono semplicemente più vigile.

La postura è semplicemente più eretta e ci sono molte prove che la postura può avere una forte influenza sul nostro stato mentale. Una scrivania regolabile in altezza è quindi anche biohacking per me!

Nell'ufficio del Parco Scientifico non abbiamo scrivanie in piedi, il che va bene. Lì bilanciamo il nostro movimento facendo pause, passeggiate e abbiamo le scrivanie allineate l'una all'altra, il che ovviamente crea anche un'ottima atmosfera.

Thomas:
Sono un pessimo lavoratore alla scrivania (ride). Penso che quello che fate sia bello e credo che abbia un impatto estremamente positivo sulla salute e sul benessere, ma preferisco non lavorare affatto alla scrivania. Il mio posto preferito per lavorare è il parco, una passeggiata, dove il lavoro si realizza da solo. Naturalmente, questo non è possibile.

In questo senso, la scrivania, e soprattutto la scrivania in piedi, è un bel compromesso che almeno mi facilita il lavoro. Mi muovo, posso lavorare e non crollo completamente.

Penso che la scrivania in piedi sia molto utile, soprattutto per la collaborazione e le riunioni, perché è più facile discutere e chiacchierare in piedi. Per questo mi piace usare Desk One , una specie di tavolo da bar. Per me è importante passare da una postazione di lavoro all'altra.

Consigli per gli imprenditori

Yaasa:
Tutto ciò sembra assolutamente comprensibile. Grazie per il tuo contributo! Ora un'ultima domanda, breve e dolce: quale consiglio daresti ai nuovi imprenditori o a quelli che stanno iniziando, dopo aver percorso questa strada in prima persona?

Thomas:
Mi ispiro a Sergej Young e al suo Longevity Vision Fund - assicuratevi di leggere il suo libro "Growing Young"! - perché quando gli si chiede cosa lo caratterizza come imprenditore, risponde sempre: il mio orizzonte temporale. E questo è anche il mio consiglio per gli aspiranti imprenditori.

Ponetevi sempre la domanda: cosa vi aspettate? Vuoi trovare investitori? Costruire un impero? Gestire un'azienda familiare per generazioni? Vivere fino a 100 anni? Individuate il vostro orizzonte temporale. Solo allora potrete organizzare le vostre energie, pianificare il vostro percorso in modo sensato e andare avanti per la vostra strada. Per quanto mi riguarda, ho intenzione di vivere almeno fino al 2140 (ride): questo è il mio orizzonte temporale. È un po' più astratto, ma mi porta lontano!

Babsi:

Il mio consiglio più importante e il mio principio preferito è: fallire velocemente! Fate le cose, provatele, abbiate il coraggio e se non funzionano, andate avanti! Raccogliete il feedback che vi dà il vostro fallimento veloce e assicuratevi di usarlo.

Non c'è niente che vi trattenga di più che inventare qualcosa di grandioso nell'intimità della vostra casa, per poi rendervi conto che le persone a cui volete commercializzarlo non sono interessate. Come imprenditore, devi andare nel mondo e confrontarti con le voci fuori dalla tua bolla.

Yaasa:
Brillante, grazie mille! È stato bello chiacchierare con te!

Su Babsi:

Dopo un'esperienza personale di burnout all'età di 23 anni, Babsi ha fatto ricerche sul tema dell'esaurimento e della felicità per trovare le risposte che aveva sempre cercato. Questo l'ha portata prima al dottorato di ricerca e poi alla fondazione di Luminous Red: l'azienda e i prodotti sviluppati sono un modo per condividere gli incredibili benefici della terapia a luce rossa con le persone di tutto il mondo. Babsi crede in Luminous Red perché la aiuta a tornare alle basi della natura: il potere della luce solare e il potenziale dei nostri corpi naturali.

Luminous Labs Gründer Thomas und Babsi.

Informazioni su Thomas:

All'età di 27 anni, Thomas ha subito un crollo fisico. In seguito, la sua missione è stata quella di trovare il modo in cui noi esseri umani possiamo ottimizzare le nostre prestazioni: In breve, è diventato un biohacker. L'approccio di Thomas è unico: è alimentato dall'esperienza personale e dai dati che guidano lo sviluppo dei prodotti Luminous Red. La combinazione di questa curiosità e della sua passione per lo sviluppo di macchine e gadget ha dato vita a Luminous Red. Thomas crede fermamente che la luce possa aiutare a massimizzare il benessere umano: non solo come reazione, ma come passo proattivo che diventa parte integrante della routine quotidiana.

Definizione di biohacking:

Il biohacking descrive l'intervento consapevole sul proprio ambiente personale o sulla propria biologia - con un particolare stile di vita, con la tecnologia o, più recentemente, con un intervento diretto sulla propria biologia - per migliorare le prestazioni, il benessere e l'essere di se stessi. Cosa fate entrare nel vostro corpo e cosa no? Di quali persone e luoghi ci si circonda? Tutti questi aspetti possono essere oggetto di domande per il biohacking.